fbpx
ISRAELE – Challah

Tappa 4 - Israele

Una contaminazione unica di sapori provenienti dal mondo arabo e mediorientale, con suggestioni vegetariane e vegane. Da Tel Aviv a Gerusalemme questa terra antica è una delle culle della civiltà e in quanto tale ha alle spalle una grande storia gastronomica. E anche un futuro: stiamo parlando di una terra in grado di aprirsi alle novità, alla sperimentazione, alla cucina fusion.

La quarta tappa del Giro del Mondo in 12 ricette di Molino Colombo è in Medio Oriente, in Israele: salpa assieme a noi e prova la ricetta della Challah reinterpretata da José Consolandi.

“Ci si può dimenticare di tutto, ma non di mangiare”.
(Proverbio Yiddish)

ISRAELE – Challah
ISRAELE – Challah

Le zone gastronomiche di Israele

La cucina israeliana prima di tutto è considerata sacra, così come è sacro l’atto di mangiare. La preparazione dei piatti deve rispettare severe norme religiose e anche igienico-sanitarie, retaggio di una vita nomade in zone desertiche nelle quali era praticamente impossibile conservare i cibi troppo a lungo.

Fusion, vegetariana, vegana, araba, mediorientale: la gastronomia di questo popolo antico è tutte queste cose, e molte di più! Nelle zone più montuose, dove è diffuso l’allevamento, si mangia molto Labneh, un formaggio acido accompagnato generalmente da olive, ma anche la Shawarma, carne cotta allo spiedo e servita in una pita con spezie. Nelle zone agricole, invece, si mangia la Sabich, una piadina farcita con melanzane, patate e uova. In tutta l’area si mangia molto hummus e babaganoush, e proprio queste due salse arabe accompagneranno la ricetta della Challah rivisitata dal nostro Josè Consolandi.

La ricetta di Israele – Challah

Condividi su:

Preparazione

- Fai sciogliere in una ciotola il lievito di birra con l'acqua tiepida, quindi aggiungi l'olio, il sale e l'uovo con un pizzico di zucchero e amalgama il tutto - Unisci la farina ai liquidi aggiungendola piano piano e poi impasta a mano. Quando l'impasto è compatto, continua a plasmarlo sul piano di lavoro - Fai lievitare in una ciotola unta con olio coprendo con un panno umido per almeno due ore - Dividi l'impasto in sei parti allungandole in strisce e forma due trecce usando tre parti per ciascuna treccia - Falle lievitare ancora un'ora poi spennella con del tuorlo d'uovo e aggiungi i semi di sesamo, metti in forno caldo a 200°C per 10 minuti - Abbassa la temperatura a 180°C e fai cuocere ancora per 20 minuti finché le trecce non saranno dorate. Il tocco in più: accompagna le Challah con hummus di ceci e babaganoush di melanzane servendo il tutto con olive.

Ingredienti

Farina Risosol 1kg
Acqua tiepida 2 bicchieri
Lievito fresco 1 cubetto
Olio di arachidi o di semi 1/2 bicchiere
Zucchero 1 pizzico
Uovo biologico 1 e 1 per spennellare
Sale 1 cucchiaio
Semi di sesamo

Difficoltà

Condividi su: