fbpx
Molino Colombo

Loading

SPEDIZIONI GRATUITE PER ACQUISTI SUPERIORI A 60€

0

Subtotale (0 articoli)

0,00 

Per completare l’ordine mancano 3 farine del nostro shop.

Molino Colombo
Perché scegliere la farina tipo 1?

Perché scegliere la farina tipo 1?

Partiamo sempre da qui: la farina è l’ingrediente principale che sta alla base di moltissime ricette e preparazioni, ma quanti realmente sanno quante tipologie di farine ci sono?

Oggi, in commercio, tra le farine convenzionali, troviamo differenti tipologie, ognuna diversa per le sue caratteristiche e valori nutritivi. Quante volte ti è successo, soprattutto all’inizio, di conoscere e addirittura pensare che ci fosse una sola tipologia di farina che andasse bene per tutti gli usi e le preparazioni?

 

I diversi tipi di farina
La farina 00 o al massimo 0 erano le più comuni, ma è bene ricordare che prima di arrivare a ottenere farine bianche come queste, anticamente si utilizzava solo la farina integrale. Con il passare del tempo poi, grazie all’innovazione di prodotto, sono state introdotte altre tipologie di farina, farina tipo 1 e tipo 2, che possono essere definite una via di mezzo tra la farina bianca e la farina integrale, difatti sono comunemente e volgarmente chiamate anche “semi-integrali”.

In questo articolo andremo a focalizzarci in particolar modo sulla farina tipo 1 per andare ad approfondire meglio le sue caratteristiche e i vantaggi che possiamo trarne dal suo utilizzo.

La farina, come sappiamo, è il prodotto che si ricava dalla macinazione dei cereali o di altri prodotti e ne esistono differenti tipi distinguibili innanzitutto per la granulometria e per i contenuti nutrizionali: amido, proteine, minerali e fibra alimentare e quindi anche per la diversa qualità nutrizionale.

Anche le caratteristiche visive sono diverse, la farina 00 è bianca mentre le altre farine hanno un colore gradualmente più scuro. Questo ci ha spinto, nel nostro spaccio aziendale, a disporre le farine convenzionali in dispenser trasparenti in ordine crescente a seconda del contenuto di fibre, per mostrarne tutte le differenze sia a livello visivo che a livello nutritivo e dare così modo al nostro consumatore di conoscere sempre meglio il mondo della farina in tutte le sue sfaccettature e varianti.

 

Qual è allora la differenza tra la farina 00 e 0 e una farina di tipo 1?
La farina di tipo 1 contiene una maggiore percentuale di crusca e germe che sono le parti più ricche di sostanze nutritive del chicco di grano, infatti la crusca è ricca di fibre e il germe del grano è ricco di vitamine, sali minerali e amminoacidi.

A livello visivo è facile riconoscere una farina tipo 00 o 0 da una tipo 1, proprio perché la farina tipo 1 si presenta più “scura”, o meglio, il prodotto risulta “puntinato” grazie alle foglioline di crusca presenti al suo interno. Diverso ancora è il colore di una farina tipo 2 che si presenta, rispetto a una tipo 1, più scura tendente al grigio-marroncino e più omogenea grazie alla micronizzazione della crusca.

 

Perché scegliere la farina tipo 1?
Quando parliamo di Farina tipo 1 parliamo di una farina con caratteristiche nutrizionali importanti, è dunque preferibile, soprattutto nelle diete, andare a utilizzare farine più ricche di fibre come la 1, la 2 o l’integrale perché aiutano a ridurre il livello di glucosio nel sangue e a mantenere una buona funzionalità intestinale.

A livello nutrizionale, dunque, vincono le farine ricche di fibre e bisogna precisare alcune cose importanti da tenere presente: una delle caratteristiche tipiche dei prodotti realizzati con queste farine è una maggiore idratazione dell’impasto e quindi un maggiore assorbimento dell’acqua, la presenza di un forte bouquet di profumi, un sapore inconfondibile e una maggiore conservabilità.

 

Quando utilizzarla?
La farina tipo 1 è ottima per la produzione di pane, pizza, dolci, prodotti da forno.

Vediamo insieme nel dettaglio le nostre proposte.

La tipo 1 è uno dei prodotti sui cui abbiamo puntato di più proprio perché in questi ultimi anni è stata completamente sdoganata e il suo utilizzo si è fatto sempre più frequente.
La farina tipo 1 difatti rappresenta una valida alternativa a chi non ama troppo i sapori decisi dei prodotti integrali ma allo stesso tempo non vuole rinunciare ai loro benefeci.

Abbiamo pensato di andare a proporre alla nostra clientela 3 tipologie di farina tipo 1 in comode confezioni da 2 kg, ognuna di queste con la sua destinazione d’uso specifica:

  • Farina tipo 1 con germe di grano Linea LE RUSTICHE:
    è una farina tipo “1” con germe di grano, ancora più ricca di fibra che conferisce un profumo ed un aroma inconfondibile. Si contraddistingue per l’elevata digeribilità oltre che per la rusticità dell’impasto. Questa farina è consigliata per tutti i prodotti di panificazione quali pane, pizza e focacce. W300 https://www.molinocolombo.it/it/shop/le-rustiche-grangusto-tipo-1/
  • Farina tipo 1 Linea LE BIOLOGICHE:

la farina tipo “1” Biologica nasce da un’armonia che i Maestri di Farine conoscono molto bene: l’armonia con la natura. Le farine della gamma “Le Biologiche” vengono preparate secondo i dettami dell’agricoltura biologica, nel rispetto della sostenibilità e della salute della terra e dell’uomo.

Una farina ideale per pizza, per la pasticceria e per la produzione di pane e focacce. W280  https://www.molinocolombo.it/it/shop/le-biologiche-biologica-tipo-1/

  • Farina tipo 1 con germe di grano Linea LE ECCELLENZE – Sal De Riso:

è una farina tipo “1” con germe di grano per torte e frolla ideata e firmata dal Maestro pasticcere Salvatore De Riso. Questa farina per dolci è prodotta con una miscela di grani specifici per la produzione di pasta frolla, pan di spagna e torte. L’impasto risulta facile e veloce, ben omogeneo. Il prodotto finito è ben equilibrato nella struttura e particolarmente friabile.
Questa farina tipi 1 è indicata per la produzione di crostate, biscotti e pan di spagna. Se miscelata al 50% con la farina “Sal De Riso – Lievitati” diventa la base giusta per dolci di pasta sfoglia. W220 https://www.molinocolombo.it/it/shop/sal-de-riso-torte/

Condividi su: